Cosa fare con le vecchie sedie di casa?

Cosa fare con le vecchie sedie di casa?

Chi ha in casa delle sedie ormai vecchie che però non vuol buttare, un po’ per i ricordi che sono legati ad esse e un po’ perché vuol provare a ridurre i rifiuti prodotti, può cercare una nuova collocazione per questi elementi di arredo, che possono essere rinnovati e riciclati in modo decisamente semplice. Anche nel caso in cui le sedie siano molto usurate, o addirittura rotte, si può provare a recuperarle: per esempio, dando vita a un set romantico con fiori e candele da collocare sulla seduta, ideale per arricchire una parete un po’ vuota, ma anche per decorare il bagno o la camera da letto.

Riciclare tutti i tipi di sedie

Sono davvero tante le tipologie di sedie che possono essere riciclate: per abbellire il proprio appartamento in modo originale si può anche far riferimento alle proposte di negozi di antiquariato e mercatini dell’usato. Si potrebbe avere la fortuna, per esempio, di imbattersi in una serie di vecchie sedute da cinema, imbottite o in legno, da inserire tra le mura domestiche, come se si trattasse di una panchina o come semplice elemento di decorazione, in salotto o all’ingresso.

La sedia si trasforma in una mensola

Quando la sedia non è più in grado di svolgere il compito per cui è stata realizzata, e quindi non permette più di sedersi, ci si deve ingegnare per trasformarla e destinarla a un altro utilizzo. Per esempio, nel caso in cui si disponga unicamente del corpo di una sedia, si può lavorare con martello e chiodi per ottenere una mensola da muro dal look rustico, ideale in un giardino o in una cucina in stile country, senza dubbio originale e fuori dagli schemi.

In giardino e in cortile

In effetti, proprio gli ambienti esterni come il giardino, ma anche il cortile o la terrazza, sono ideali per accogliere quelle sedie che sono un po’ rovinate e che magari stonano con l’arredamento minimal e moderno di casa, ma che si dimostrano perfette per stare all’aria aperta. Che si tratti di sedie in legno, in ghisa o in ferro battuto, si può approfittare del sapore vintage che sono in grado di assicurare per dare vita a un piccolo angolo di paradiso dal gusto retrò, per un’immersione nel passato all’insegna della nostalgia.

Come aggiustare una sedia rotta

Se, invece, si è alle prese con una sedia rotta che si vuol provare ad aggiustare a tutti i costi, è indispensabile prima di tutto identificare e valutare con attenzione il danno su cui si deve intervenire, tenendo a portata di mano una colla semplice da utilizzare. Nella maggior parte dei casi, infatti, i problemi sono dovuti alle sedute per sedie che si sono scollate. Il primo step consiste nell’allargare la parte interessata, sempre adottando la dovuta delicatezza, per poi incollare l’elemento che si è staccato, sia esso il telaio o la spalliera.

Cosa fare per riparare la seduta

Quando ci si trova di fronte a una seduta particolarmente usurata, è bene capire qual è la gravità del problema. Per una sedia caratterizzata da un rivestimento in stoffa che si è afflosciato, può bastare la sostituzione della spugna. Diverso è il discorso se ci sono dei problemi a livello strutturale: in tale circostanza occorre rimpiazzare le bande da cui è retta la seduta, se non addirittura restaurare tutto il legno. Per aggiustare, infine, i pomelli della sedia o altri elementi decorativi, prima di distribuire il prodotto collante è utile pulire bene tutte le superfici, per poi ricollocare la parte che deve essere riposizionata e tenerla premuta per qualche secondo.

You must be logged in to post a comment