Rinnova la tua casa con le lampade a sospensione

Rinnova la tua casa con le lampade a sospensione

La progettazione dell’illuminazione di una casa non è sempre compito degli interior designer: ognuno di noi si può dedicare a questa piacevole incombenza, ma a patto di conoscere le tipologie di lampadari e lampade presenti sul mercato. Per valorizzare una camera o un salotto, per esempio, si potrebbe fare affidamento sulle lampade a sospensione, che si fanno apprezzare per la loro capacità di garantire un’illuminazione completa e funzionale; esse, inoltre, si presentano come oggetti di design, contraddistinti da un elevato tasso di eleganza, e proprio per questo motivo sono suggerite a chi vuol conferire un aspetto originale e uno stile contemporaneo alla propria abitazione. Attraverso il sito lampadaribartalini.it è possibile consultare una ricca gamma di proposte accattivanti, con alta qualità e prezzi bassi.  Read More

Quanto deve costare un video aziendale?

Per poter valutare il costo di un video aziendale dobbiamo, prima di tutto, tenere conto di aspetti fondamentali: professionalità, qualità e pre-produzione, produzione, post- produzione. Affidarsi all’amico è rischioso, se non si ha competenza nel settore si rischia anche di perdere l’amicizia! Le buone intenzioni non bastano se lo scopo è quello di realizzare un prodotto di buona, anzi, ottima qualità, in grado di competere con i video delle altre aziende.

Il video aziendale deve pertanto essere un “video di tutto rispetto”, per questo nella realizzazione vengono coinvolte più figure: il responsabile del progetto, il copy, il direttore artistico ed ovviamente il regista.

Nella fase iniziale occorre realizzare un soggetto e scrivere uno storyboard, effettuare i vari sopralluoghi, soprattutto quando si decide di girare il video all’esterno e dove necessario, occorre mettere insieme il casting.

Il calcolo del costo del video si basa anche sui professionisti che lavorano alla realizzazione, nella fase di produzione, ad esempio, possono essere coinvolte altre figure professionali oltre al regista, al direttore della fotografia, all’operatore, infatti potrebbe anche essere necessaria la figura dell’elettricista, del macchinista, dell’operatore del drone, dello scenografo e persino del truccatore.

La fase della post-produzione, vede all’opera, oltre al regista, anche il montatore, il grafico designer, lo speaker… Ovviamente è anche possibile ridurre i costi, spesso le agenzie per far fronte alle esigenze delle aziende e contenere i costi, cercano di inglobare nelle singole figure professionali, più capacità. In questo modo il regista potrebbe anche essere il responsabile del progetto e art director e l’assistente potrebbe anche essere in grado di fare l’elettricista.

Ma anche “riducendo” il numero degli addetti, per la realizzazione di un video aziendale professionale, non possono lavorarci meno di 3-4 persone, questo per mantenere alta la qualità ed il livello del video. Sicuramente non è possibile realizzare un video aziendale professionale con poche centinaia di euro, ma le agenzie serie riescono sempre ad ottenere ottimi risultati basandosi sul budget del cliente che ha la necessità di proporre contenuti sempre nuovi in grado di rendersi presente.

E’ altresì vero che non tutti i clienti sono disposti ad investire ingenti somme per realizzare un video la cui vita media sia ridotta. Pertanto, per ridurre i costi, come abbiamo scritto, è necessario ridurre il numero dei professionisti coinvolti. Dall’altra parte però c’è sempre la necessità di mantenere alta la qualità.

La soluzione è pertanto quella di rivolgersi a professionisti seri con conclamata esperienza nel settore che sanno bene cosa fare e soprattutto come. Aspetto non secondario, è anche la capacità di ottimizzare al meglio gli aspetti ed i tempi di produzione.

Riuscire a garantire un’ottima organizzazione, equivale anche a ridurre drasticamente i costi.

Si possono organizzare insieme sia la pre-produzione che la post-produzione e anche una perfetta integrazione potrebbe portare a ridurre i costi di oltre il 30%.

Ad incidere anche sul costo del video aziendale è la tipologia, ovvero video realizzato in animazione oppure con riprese dal vivo. Per questo è opportuno richiedere sempre un preventivo chiaro esprimendo bene le proprie esigenze.

paesi pericolosi

I paesi più pericolosi al mondo

Il Global Peace Index è una classifica che viene fatta ogni anno sulla base dei fattori che determinano lo stato di pacificità di un determinato paese.

Prima di organizzare il vostro prossimo viaggio è bene essere consapevoli dei rischi che si possono correre.

In questo articolo parliamo dei paesi più pericolosi al mondo del 2017, dove sarebbe meglio non trascorrere le proprie vacanze. Ma se non potete farne a meno, allora attrezzatevi bene con le migliori assicurazioni di viaggio.

La Siria rimane il primo in classifica dei paesi più pericolosi al mondo. Anche Iraq e Afghanistan sono rimasti tra i cinque paesi più pericolosi al mondo e questo è stabile dal 2013.

Sud Sudan è nel 2017 il quarto paese più pericoloso dopo aver sperimentato un costante declino negli ultimi anni, scendendo di 15 posti da quando è diventato indipendente dal Sudan nel 2011. La situazione dello Yemen peggiora di anno in anno.

Si può notare che tre dei cinque dei paesi meno pacifici – Siria, Iraq e Yemen – sono in Medio Oriente. La rivalità dell’Arabia Saudita con l’Iran ha aumentato enormemente le tensioni in una regione già problematica.

L’ONU stima che la violenza, la fame e la malattia hanno ucciso più di 10.000 persone in Yemen fin dall’inizio del conflitto, ma questo impallidisce in confronto a più di mezzo milione di persone che sono state uccise durante i sei anni di guerra civile della Siria. Oltre 6 milioni si stima che sono stati sfollati o fuggiti dal paese.

All’altra estremità della classifica, l’Islanda ha mantenuto la sua posizione come il paese più tranquillo del mondo. È stato classificato come paese più pacifico del mondo ogni anno dal 2008. La Danimarca è scesa dal paese in secondo luogo più tranquillo a quinto, mentre il Portogallo, Nuova Zelanda, Austria rientrano nella top five.

L’Europa resta la regione geografica più tranquilla del mondo nonostante i fatti recenti di terrorismo.

E negli Stati Uniti?

La profonda e radicata divisione causata dalla campagna elettorale del presidente degli Stati Uniti, la successiva vittoria di Donald Trump e la ricaduta politica ha portato a un drammatico peggioramento dei livelli di pace in Nord America.

Gli Stati Uniti hanno registrato la flessione più grande, perdendo 11 posti nella classifica dei paesi più sicuri.

E ora vediamo la classifica secondo il Global Peace Index 2017.

I primi dieci paesi più pericolosi al mondo

 

  1. Siria

 

  1. Afghanistan

 

  1. Iraq

 

  1. Sud Sudan

 

  1. Yemen

 

  1. Somalia

 

  1. Libia

 

  1. Sudan

 

  1. Repubblica Centrafricana

 

  1. Ucraina

 

Quali sono invece i posti migliori per le tue vacanze?

Ecco i 10 paesi più sicuri del 2017:

 

  1. Islanda
  2. Nuova Zelanda
  3. Portogallo
  4. Austria
  5. Danimarca
  6. Repubblica Ceca
  7. Slovenia
  8. Canada
  9. Svizzera
  10. Irlanda

 

Ciò non giustifica il fatto di partire sprovvisti di una polizza viaggio, la quale è sempre raccomandata dal Ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale.

Dolore alle articolazioni: come combatterlo

I dolori articolari sono un tipo di disturbo molto fastidioso non associabile ad una particolare stagione o periodo dell’anno. Può colpire allo stesso modo uomini e donne e provoca una generale riduzione della capacità motoria ed una sintomatologia dolorosa localizzabile principalmente presso l’articolazione colpita.

Non esiste una casistica che veda un’articolazione maggiormente colpita rispetto ad un’altra: possono esserne colpite ginocchia, gomiti, spalle, ma anche articolazioni più piccole quali le dita. Pur non avendo una stagionalità precisa, come accennato precedentemente, alcune cause di questa patologia fanno riferimento soprattutto al periodo invernale: in particolare l’influenza, il freddo e l’umidità.
Senza contare che questo tipo di dolori possono essere originati anche da vere e proprie patologie o disturbi come artrite, artrosi, borsiti, traumi alle articolazioni o tendiniti. Read More

Simona vicari sui trasporti: codice stradale unico e veicoli automatizzati

Simona Vicari in merito ai trasporti afferma che il futuro sarà rappresentato da veicoli connessi ed automatizzati e da un codice stradale unico.

La Vicari dichiara che affinché l’Europa stia al passo coi tempi e all’altezza degli altri Paesi è necessario un adattamento delle consuetudini internazionali per quanto riguarda l’ambito dei trasporti al fine di giungere alla conclusione di un codice stradale europeo univoco, costituito da norme equivalenti per tutti i cittadini dell’Unione Europee. Read More

Come è fatta una porta blindata

Prima di scegliere una porta blindata per la propria casa, è indispensabile conoscerne le caratteristiche, in modo tale da individuare la soluzione più adatta alle proprie esigenze. Secondo le norme UNI ENV 1627 e seguenti, per le porte blindate sono state identificate sei diverse classi di qualità, a seconda della capacità di resistere ai tentativi di effrazione, del tipo di cilindro, del tipo di serratura e del livello di isolamento termo-acustico che viene garantito. In particolare, un cilindro certificato – in base a quanto stabilito dalla norma UNI EN 13030:05 – deve avere requisiti specifici dal punto di vista della resistenza agli attacchi e della durata: per esempio i suoi intagli devono definire la cifratura esclusiva della chiave.

Ma non è tutto, poiché devono essere presenti anche dispositivi anti-manipolazione, dispositivi anti-strappo e dispositivi anti-trapano. Per essere certi di usufruire di una porta blindata sicura e funzionale, occorre che la sua installazione venga effettuata a regola d’arte: per questo motivo ci può essere bisogno di professionisti del settore, come quelli che è possibile contattare attraverso il sito fabbroroma.net, che si occupano anche della riparazione e della manutenzione delle porte. Read More

umidita di risalita per conodomini e case abitative

Umidità di risalita: cosa è e come debellarla.

Evitare il “fai da te”

E’ importante riconoscere la causa dell’umidità della tua casa per evitare di perdere denaro in interventi inutili e che a volte peggiorano la situazione di partenza. Nove volte su dieci, infatti, i prodotti che utilizzi sui muri della tua abitazione, non hanno l’effetto desiderato, così come accade con gli interventi sugli intonaci e la loro tinteggiatura.

Questo accade perché per l’umidità di risalita non stai andando alle radici del problema e intervieni solo sugli effetti visivi che puntualmente ritornano poco dopo l’intervento: un segnale che dovrebbe farti riflettere sul fatto che sia molto più vantaggioso ed economico rivolgerti a professionisti del settore che possano aiutarti attraverso la loro conoscenza a capire quali sono le cause reali del tuo problema, piuttosto che affidarti alle promesse di produttori interessati solo alla vendita dei loro prodotti.

Umidità di risalita: conosciamola

I muri della tua casa, o meglio i materiali di cui essi sono composti, si comportano esattamente come delle spugne che assorbono i liquidi con i quali si trovano a contatto. La tua casa è stata costruita su un terreno in cui è contenuta una certa percentuale d’acqua in cui si sono disciolti i sali contenuti nella terra stessa.

A causa del fenomeno definito come “risalita capillare” questi sali risalgano nel muro insieme all’acqua e raggiungono lo strato superficiale dell’intonaco. In seguito l’acqua evapora e i sali rimangono nella parete cristallizzando e aumentando fino a 12 volte il loro volume. Questo causa la pressione e il danneggiamento del materiale murario e col passare del tempo può addirittura determinare un indebolimento della struttura della tua abitazione.

Umidità di risalita: Salute e denaro

Un ambiente umido è inoltre un ambiente più freddo e difficile da riscaldare.

Eliminare i problemi da umidità di risalita è importante quindi anche per risparmiare sui costi di climatizzazione, ma soprattutto per intervenire sulla salubrità dell’ambiente domestico. Muri costantemente roridi possono favorire la formazione di antiestetiche muffe che diffondono nella tua abitazione spore pericolose per la salute. La muffa, infatti, può causare gravi allergie e patologie al sistema respiratorio, pericolose in particolare per i più piccoli.

Umidità di risalita: Ma sei davvero certo che si tratti proprio di risalita capillare?

La questione più importante, in ogni caso, è comprendere da dove quest’umidità arrivi.

A volte effetti visibili simili a quelli dati da umidità di risalita possono essere dati anche da tubature danneggiate o condensa a parete e possono essere quindi risolti facilmente con l’intervento di un idraulico o semplicemente arieggiando in maniera più efficace la tua abitazione, ma se così non dovesse essere, è importante fare eseguire alla tua abitazione un’analisi strumentale dell’edificio da parte di specialisti che abbiano strumentazione e competenze adatte per un’attenta analisi del caso, dei possibili rimedi e i costi per debellare e risolvere definitivamente e con una gestione oculata dei tuoi fondi il problema.

Umidità di risalita capillare: addio

Le soluzioni possibili possono essere di natura chimica, meccanica e strumentale. Quelle chimiche iniettano delle sostanze che creano una barriera impermeabilizzante e impediscono l’infiltrazione dell’acqua e il formarsi di umidità di risalita.

Quelle meccaniche consistono nel taglio delle murature , ma sono in realtà poco utilizzate perché obsolete e non conformi alle normative di alcune regioni italiane. Di nuova generazione è invece l’utilizzo di vari dispositivi che intervengono sulla polarità e la neutralizzazione di carica dell’acqua all’interno della muratura causando la sua deumidificazione.

Umidità di risalita: un nemico che si può e si deve risolvere, anche a casa tua.