La realizzazione di siti web multilingua

La realizzazione di siti web multilingua

La realizzazione di siti web multilingua può essere indispensabile per i portali – per esempio di e-commerce, ma non solo – che si rivolgono a utenti e internauti di più Paesi. Quando si parla di un sito multilingua si fa riferimento, ovviamente, a un sito che mette a disposizione i propri contenuti non solo in italiano, ma anche in altre lingue. Ovviamente, se per ottenere un buon posizionamento sui motori di ricerca per le pagine in italiano è molto complicato, si può immaginare quanto difficile sia il compito per le altre lingue. Difficile ma non impossibile, sia chiaro: conoscere questo ambito nel dettaglio permette di ottenere risultati più che apprezzabili. Preziosissime informazioni si possono trovare visitando il sito www.easywebconsulting.com.

Per avere la certezza che la realizzazione siti web multilingua abbia successo e che, in sostanza, i contenuti localizzati scritti in una lingua diversa dall’italiano possano essere visualizzati nel modo più efficiente nei risultati di ricerca, è importante assicurarsi, prima di tutto, che sia estremamente chiara la lingua della pagina. Google, infatti, adopera unicamente i contenuti visibili allo scopo di determinarne la lingua. Un altro accorgimento da adottare è quello di accertarsi che tutte le versioni, nelle diverse lingue, siano ugualmente facili da individuare. Per questa ragione è preferibile tenere su URL differenti i contenuti di ciascuna lingua, mentre è sconsigliabile adoperare i cookie per visualizzare le diverse versioni tradotte delle pagine.

Nel corso della realizzazione siti web multilingua, d’altro canto, può essere utile linkare le versioni della stessa pagina nelle varie lingue tra loro, così che un utente spagnolo che, per qualsiasi motivo, dovesse trovarsi sulla versione inglese di una pagina possa, con un solo clic, accedere alla versione in spagnolo senza difficoltà e senza perdersi tra i collegamenti del sito. Bisogna evitare, invece, il reindirizzamento automatico che deriva dalla lingua (presunta) dell’utente, in quanto i reindirizzamenti rischiano di impedire ai motori di ricerca e agli utenti di visualizzare la totalità delle versioni del sito.

Un aspetto che viene spesso poco considerato e che, invece, merita di essere valutato con la massima attenzione è quello che riguarda la scelta dell’Url: se è vero, infatti, che Google e gli altri motori di ricerca identificano la lingua di una pagina in funzione dei contenuti che quella stessa pagina propone, è altrettanto vero che gli Url danno agli utenti dei suggerimenti su ciò che si trova sulle pagine. Segnalare direttamente nell’Url la lingua non solo permette di indicare ai visitatori la lingua del contenuto con la massima chiarezza, ma offre al tempo stesso la possibilità di individuare degli eventuali problemi che si potrebbero riscontrare con i contenuti del sito in altre lingue. Insomma, quando si ha in mente di rivolgersi a internauti stranieri, la professionalità è una dote irrinunciabile.

Comments are closed