Author Archive Franco Sarruzzo

L’INPS aggiornato i tassi delle cessione del quinto 2020

La cessione del quinto è sicuramente uno dei metodi più comodi e sicuri per ottenere un prestito. Questo vale per i lavoratori dipendenti (pubblici e privati) e per i pensionati che vedranno scalare il quinto della propria pensione per il numero di rate concordato in sede di stipula del contratto.

La comodità della cessione del quinto risiede sia nella sicurezza pressoché matematica che il prestito venga concesso, sia nel fatto che sarà l’INPS direttamente a rimborsare le rate all’istituto di credito che avrà emesso il finanziamento. Da ultimo, il vero e proprio vantaggio del prestito tramite cessione del quinto è la rata, la quale non potrà mai superare il quinto dello stipendio o della pensione, cioè il 20%.

Ora, nella rata, oltre alle eventuali spese accessorie che dipendono da istituto di credito a  istituto di credito, sono comprese le rate dell’assicurazione obbligatoria (che nel caso dei pensionati interviene in caso di morte del contraente) e i tassi di interesse.

Ogni trimestre l’INPS aggiorna questi tassi i quali sono proporzionalmente definiti e calcolati in base all’età del contraente. I tassi INPS, inoltre, sono utili ai fini dell’individuazione dei tassi usurari. Lo stato, infatti, vigila a che i tassi di interesse applicati dagli istituti di credito non superino le soglie imposte dai calcoli INPS:

 

Tassi di interesse INPS per il primo trimestre 2020

Come affermato più sopra, i tassi di interesse sono stati aggiornati dall’INPS per il primo trimestre 2020 (quindi per il periodo che va dal 1 Gennaio al 31 Marzo 2020) ed è facile con questi dati calcolare la cessione del quinto corretta.

INPS lo ha fatto con una circolare (n.13 del 3 gennaio 2020), inerente i TEGM (Tassi Effettivi Globali Medi) sui quali ci si baserà per il calcolo degli interessi sulle operazioni di cessione del quinto.

Le soglie di età che costituiscono le fasce di differenziazione dei tassi (ricordiamo infatti che i tassi di interesse sono direttamente proporzionali all’età del richiedente) sono state definite in 5 sezioni:

  1. Richiedente con età fino a 59 anni: il tasso di interesse applicato per prestiti fino a 15.000 euro è del 8,51%. Per importi superiori, invece, il tasso è del 6,73%.
  2. Richiedente con un’età che va da 60 a 64 anni: il tasso di interesse applicato in questo caso è del 9,31% per importi superiori a 15.000 euro. Scende, invece, al 7,53% per importi superiori.
  3. Richiedente da 65 a 69 anni: per questa fascia di età il tasso cresce al 10,11% per importi fino a 15.000 euro, mentre si attesta al 8,33% per importi che superino i 15.000 euro.
  4. Richiedente con un’età che va da 70 a 74 anni: il tasso per un prestito fino a 15.000 euro è del 10,81%. Scende al 9,03% per prestiti con cifre superiori a 15.000 euro.
  5. Richiedente con un’età che va da 75 a 79 anni: per un prestito fino a 15.000 euro il tasso di interesse si attesta all’11,61%. Per importi, invece, che superino la cifra di 15.000 euro il tasso è del 9,83%.

 

È importante segnalare che la fascia di età da prendere in considerazione è quella relativa all’età che il richiedente avrà al termine del prestito

pirata della strada affrontare incidente

Incidenti causati da pirati della strada: Come affrontarli

I 5 passi per affrontare un incidente causato da un pirata della strada.

Quando si tratta di guidare non c’è molto di più pericoloso degli altri automobilisti. Dopo aver conseguito la patente presso la tua autoscuola Cagliari di fiducia e a causa del numero crescente di segnalazioni di incidenti che si verificano, è il caso prima di tutto di prepararti ad affrontare un incidente provocato da un pirata della strada, che dunque non si è fermato a prestare soccorso. Ci sono diverse cose che puoi fare in una situazione del genere, e forse ti son state già accennate in una scuola guida Cagliari. Eccole riassunte in 5 passaggi.

Read More

arredamento casa dipinti colori acrilici maimeri

I dipinti realizzati con colori acrilici potrebbero rivelarsi il migliore arredamento per la tua casa!

Scopri tutti i vantaggi di arredare la tua casa con dipinti realizzati con colori acrilici.

Sia che tu abbia una casa arredata con uno stile o un design particolare, sia che tu viva in una casa semplice, ecco per te tutti i motivi di arricchirla con dei dipinti realizzati con colori acrilici di qualità, come gli Acrilici Maimeri.

I colori acrilici lottano contro il tempo.

Ebbene sì, i dipinti realizzati con i colori acrilici sono molto resistenti, e nemmeno il passare del tempo riesce a spegnere i colori di queste particolari vernici. Prima di acquistarne (o magari realizzarne uno) informati sulla qualità del colore. Ad esempio gli Acrilici Maimeri sono ottimi e utilizzati in tutto il mondo.

I colori acrilici sono brillanti.

Se ami i colori brillanti o cerchi un arredamento capace di illuminare la tua casa, allora i quadri dipinti mediante l’utilizzo di colori acrilici sono certamente quello che fa per te.

Gli acrilici presentano dei pigmenti molto accesi capaci di rendere allegra anche la casa più spenta.

arredamento casa acrilici maimeri dipinti

I dipinti realizzati con questi colori sono generalmente di alta qualità.

Sei un appassionato di arte? Allora troverai numerosissimi dipinti realizzati con gli acrilici che sapranno soddisfare al meglio le tue esigenze.

Ad esempio gli artisti della corrente Pop Art utilizzano soprattutto questi colori, in grado di esaltare al meglio i propri dipinti legati alle scene e agli oggetti di vita quotidiana, nonché ispirati al genere fumettistico.

Una casa abbellita con questi quadri non potrà che suscitare l’ammirazione di chi la visita. I tuoi ospiti ti riempiranno sicuramente di complimenti!

Non solo dipinti.

In realtà i colori acrilici si adattano perfettamente non solo alle classiche tele, ma anche a materiali diversi come legno, carta, vetro

Le opere d’arte con cui puoi arredare la tua casa possono diventare in questo modo molteplici ed estremamente diverse tra loro. Le potrai dunque adattare alle diverse stanze della tua abitazione.

Inoltre, essendo i colori acrilici perfetti anche se utilizzati sulle pareti, puoi cimentarti nella realizzazione di opere d’arte uniche e personali, oppure commissionarle ad artisti esperti che sapranno esaltare al massimo le caratteristiche di questi particolari colori.

Conclusione.

Dopo aver letto quest’articolo vorrai sicuramente aggiungere al tuo arredamento dipinti e/o opere d’arte realizzate con l’utilizzo dei particolari colori acrilici. Cosa aspetti?

Se ami il fai da te puoi inoltre sbizzarrirti e creare tu stesso oggetti d’arredamento dipinti con colori acrilici. Basta semplicemente possedere un’ottima inventiva!

Pareti, barattoli di vetro, pezzi di cartone potranno diventare particolari e coloratissimi elementi decorativi per la tua casa.

corsi formazione docenti

Come si diventa dirigente scolastico?

Quando si parla di formazione docenti si ha a che fare con un’offerta formativa praticamente sterminata,

dai corsi formazione docenti in poi. Ci sono però anche dei corsi-concorsi che permettono da soli un vero e proprio salto di carriera, come quello bandito dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca per diventare dirigenti scolastici. Ma qual è il ruolo concreto del dirigente scolastico, quali sono le sue responsabilità, e chi può diventarlo?

Chi è il dirigente scolastico?

Il dirigente scolastico è colui che coordina il corpo docente di un istituto, nonché il personale tecnico e quello amministrativo. Tra i suoi compiti peculiari e principali ci sono la gestione delle risorse strumentali e finanziare dell’istituto, la valutazione dei risultati raggiunti nonché la valorizzazione delle risorse umane. Va infatti sottolineato che, presiedendo il Collegio dei Docenti, il dirigente scolastico ha un ruolo decisivo nella formazione dei docenti, pur non potendo in alcun modo stabilire alcun monte orario obbligatorio annuale.

Chi può diventare dirigente scolastico?

Per diventare dirigente di un istituto scolastico, come anticipato, è necessario sostenere un corso-concorso di selezione bandito dal Miur. Possono accedere al bando tutti i docenti delle istituzioni scolastiche che:

  •  siano assunti con contratto a tempo indeterminato
  • siano in possesso di una laurea magistrale, specialistica o equiparata (ivi compresi anche eventuali diplomi accademici di secondo livello rilasciati dagli istituti per l’alta formazione artistica, musicale o coreutica)
  •  siano confermati come docenti di ruolo
  • abbiano prestato servizio all’interno delle istituzioni scolastiche ed educative nazionali per almeno cinque anni (periodo di anzianità in cui vengono eventualmente conteggiati anche gli anni precedenti alla conferma in ruolo, nonché i servizi di preruolo in scuole paritarie così come riconosciute dalla legge 62 del 10 marzo 2000).

Come si articola il corso-concorso per dirigenti scolastici?

Sono principalmente tre le fasi del corso-concorso per dirigenti scolastici. La prima fase, di preselezione, in realtà viene attuata solamente nei casi in cui il numero dei candidati al concorso sia di tre volte superiore al numero di posti disponibili sul territorio nazionale. In questi casi si procede dunque con una prova preselettiva, costituita da un test di 100 quesiti a risposta multipla che si incentrano sulle normative del sistema educativo, sulle modalità di conduzione delle organizzazioni complesse, sulla programmazione, sulla gestione del personale, sulla contabilità di stato e sui sistemi educativi dell’Unione Europea.

Una volta superata l’eventuale prova preselettiva, si passa alla prova vera e propria, che si divide in una prima parte scritta e in una seconda parte orale. L’esame scritto si suddivide a sua volta in 5 domande a risposta aperta in italiano e in 2 quesiti a risposta chiusa in una lingua straniera a scelta tra inglese, francese, tedesco e spagnolo. A seguire c’è la prova orale, incentrata sulle funzioni pratiche del dirigente scolastico, sulle conoscenze informatiche e sulla conoscenza di una lingua straniera.

Al termine degli esami viene stilata una graduatoria unica a livello nazionale, che tiene conto dei risultati delle prove e dei titoli. Tutti i candidati ammessi potranno quindi passare alla seconda fase del concorso, che consiste in uno speciale corso di formazione docenti per la figura dirigenziale, della durata di 6 mesi. I primi due mesi sono di formazione generale, mentre i restanti quattro mesi sono di tirocinio.

paesi pericolosi

I paesi più pericolosi al mondo

Il Global Peace Index è una classifica che viene fatta ogni anno sulla base dei fattori che determinano lo stato di pacificità di un determinato paese.

Prima di organizzare il vostro prossimo viaggio è bene essere consapevoli dei rischi che si possono correre.

In questo articolo parliamo dei paesi più pericolosi al mondo del 2017, dove sarebbe meglio non trascorrere le proprie vacanze. Ma se non potete farne a meno, allora attrezzatevi bene con le migliori assicurazioni di viaggio.

La Siria rimane il primo in classifica dei paesi più pericolosi al mondo. Anche Iraq e Afghanistan sono rimasti tra i cinque paesi più pericolosi al mondo e questo è stabile dal 2013.

Sud Sudan è nel 2017 il quarto paese più pericoloso dopo aver sperimentato un costante declino negli ultimi anni, scendendo di 15 posti da quando è diventato indipendente dal Sudan nel 2011. La situazione dello Yemen peggiora di anno in anno.

Si può notare che tre dei cinque dei paesi meno pacifici – Siria, Iraq e Yemen – sono in Medio Oriente. La rivalità dell’Arabia Saudita con l’Iran ha aumentato enormemente le tensioni in una regione già problematica.

L’ONU stima che la violenza, la fame e la malattia hanno ucciso più di 10.000 persone in Yemen fin dall’inizio del conflitto, ma questo impallidisce in confronto a più di mezzo milione di persone che sono state uccise durante i sei anni di guerra civile della Siria. Oltre 6 milioni si stima che sono stati sfollati o fuggiti dal paese.

All’altra estremità della classifica, l’Islanda ha mantenuto la sua posizione come il paese più tranquillo del mondo. È stato classificato come paese più pacifico del mondo ogni anno dal 2008. La Danimarca è scesa dal paese in secondo luogo più tranquillo a quinto, mentre il Portogallo, Nuova Zelanda, Austria rientrano nella top five.

L’Europa resta la regione geografica più tranquilla del mondo nonostante i fatti recenti di terrorismo.

E negli Stati Uniti?

La profonda e radicata divisione causata dalla campagna elettorale del presidente degli Stati Uniti, la successiva vittoria di Donald Trump e la ricaduta politica ha portato a un drammatico peggioramento dei livelli di pace in Nord America.

Gli Stati Uniti hanno registrato la flessione più grande, perdendo 11 posti nella classifica dei paesi più sicuri.

E ora vediamo la classifica secondo il Global Peace Index 2017.

I primi dieci paesi più pericolosi al mondo

 

  1. Siria

 

  1. Afghanistan

 

  1. Iraq

 

  1. Sud Sudan

 

  1. Yemen

 

  1. Somalia

 

  1. Libia

 

  1. Sudan

 

  1. Repubblica Centrafricana

 

  1. Ucraina

 

Quali sono invece i posti migliori per le tue vacanze?

Ecco i 10 paesi più sicuri del 2017:

 

  1. Islanda
  2. Nuova Zelanda
  3. Portogallo
  4. Austria
  5. Danimarca
  6. Repubblica Ceca
  7. Slovenia
  8. Canada
  9. Svizzera
  10. Irlanda

 

Ciò non giustifica il fatto di partire sprovvisti di una polizza viaggio, la quale è sempre raccomandata dal Ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale.

umidita di risalita per conodomini e case abitative

Umidità di risalita: cosa è e come debellarla.

Evitare il “fai da te”

E’ importante riconoscere la causa dell’umidità della tua casa per evitare di perdere denaro in interventi inutili e che a volte peggiorano la situazione di partenza. Nove volte su dieci, infatti, i prodotti che utilizzi sui muri della tua abitazione, non hanno l’effetto desiderato, così come accade con gli interventi sugli intonaci e la loro tinteggiatura.

Questo accade perché per l’umidità di risalita non stai andando alle radici del problema e intervieni solo sugli effetti visivi che puntualmente ritornano poco dopo l’intervento: un segnale che dovrebbe farti riflettere sul fatto che sia molto più vantaggioso ed economico rivolgerti a professionisti del settore che possano aiutarti attraverso la loro conoscenza a capire quali sono le cause reali del tuo problema, piuttosto che affidarti alle promesse di produttori interessati solo alla vendita dei loro prodotti.

Umidità di risalita: conosciamola

I muri della tua casa, o meglio i materiali di cui essi sono composti, si comportano esattamente come delle spugne che assorbono i liquidi con i quali si trovano a contatto. La tua casa è stata costruita su un terreno in cui è contenuta una certa percentuale d’acqua in cui si sono disciolti i sali contenuti nella terra stessa.

A causa del fenomeno definito come “risalita capillare” questi sali risalgano nel muro insieme all’acqua e raggiungono lo strato superficiale dell’intonaco. In seguito l’acqua evapora e i sali rimangono nella parete cristallizzando e aumentando fino a 12 volte il loro volume. Questo causa la pressione e il danneggiamento del materiale murario e col passare del tempo può addirittura determinare un indebolimento della struttura della tua abitazione.

Umidità di risalita: Salute e denaro

Un ambiente umido è inoltre un ambiente più freddo e difficile da riscaldare.

Eliminare i problemi da umidità di risalita è importante quindi anche per risparmiare sui costi di climatizzazione, ma soprattutto per intervenire sulla salubrità dell’ambiente domestico. Muri costantemente roridi possono favorire la formazione di antiestetiche muffe che diffondono nella tua abitazione spore pericolose per la salute. La muffa, infatti, può causare gravi allergie e patologie al sistema respiratorio, pericolose in particolare per i più piccoli.

Umidità di risalita: Ma sei davvero certo che si tratti proprio di risalita capillare?

La questione più importante, in ogni caso, è comprendere da dove quest’umidità arrivi.

A volte effetti visibili simili a quelli dati da umidità di risalita possono essere dati anche da tubature danneggiate o condensa a parete e possono essere quindi risolti facilmente con l’intervento di un idraulico o semplicemente arieggiando in maniera più efficace la tua abitazione, ma se così non dovesse essere, è importante fare eseguire alla tua abitazione un’analisi strumentale dell’edificio da parte di specialisti che abbiano strumentazione e competenze adatte per un’attenta analisi del caso, dei possibili rimedi e i costi per debellare e risolvere definitivamente e con una gestione oculata dei tuoi fondi il problema.

Umidità di risalita capillare: addio

Le soluzioni possibili possono essere di natura chimica, meccanica e strumentale. Quelle chimiche iniettano delle sostanze che creano una barriera impermeabilizzante e impediscono l’infiltrazione dell’acqua e il formarsi di umidità di risalita.

Quelle meccaniche consistono nel taglio delle murature , ma sono in realtà poco utilizzate perché obsolete e non conformi alle normative di alcune regioni italiane. Di nuova generazione è invece l’utilizzo di vari dispositivi che intervengono sulla polarità e la neutralizzazione di carica dell’acqua all’interno della muratura causando la sua deumidificazione.

Umidità di risalita: un nemico che si può e si deve risolvere, anche a casa tua.

gestione finanze e codici sconto

Risparmiare online e altre tecniche per spendere meno

La questione del risparmiare online (così come offline) non è un problema che riguarda solo coloro che non amano spendere, è piuttosto una questione legata alla gestione delle proprie finanze e della personale o familiare pianificazione economica.

Ottenere il massimo risparmio possibile ricercando i prezzi più bassi e competitivi e sconti su prodotti, servizi e offerte promozionali è un obiettivo di chiunque conosca il valore del denaro.

Ecco alcune tecniche per spendere meno e risparmiare online

Risparmiare con i buoni sconto

Negli Stati Uniti è diventato quasi un gioco. I buoni sconto sono strumenti promozionali che si trovano in diversi media, come riviste, giornali, brochure o siti web e possono essere usati per ottenere uno sconto su qualsiasi prodotto e per qualsiasi quantità di prodotti, servizi, pasti, promozioni e molte altre cose.

Statistiche hanno stimato che il 96% dei consumatori utilizza buoni sconto per i propri acquisti (in riferimento agli americani USA la percentuale scende all’85%).

Senza dubbio, gli americani sono maniaci dello shopping, ma se avete bisogno di ridurre il costo al momento di un acquisto, i buoni sconto cartacei e stampabili sono un buon metodo per risparmiare.
Questo fenomeno, ormai considerato un fenomeno culturale e che continua a crescere in tutti gli Stati Uniti funziona quindi come e dove troviamo questi coupon sconto?

I giornali

Sottoscrivete un abbonamento al giornale locale o alle riviste di settore che regolarmente offrono dei codici promo per far conoscere un nuovo prodotto o un nuovo ristornate o un nuovo hotel. In questo caso avrai bisogno solo di leggere le condizioni e di un paio di forbici per ritagliare il tuo buono!

Come risparmiare? Online si fanno i migliori affari

Risparmiare online è il modo più semplice e veloce perché le possibilità di trovare codici sconto è quasi infinita. Si tratta di coupon  che vengono pubblicati sui siti dedicati ai coupon o blog specifici ad esempio blog di viaggi che offrono ai loro lettori un codice sconto per la prenotazione di un Hotel o di un tour. Alcuni di questi buoni sconto sono disponibili in numeri limitati in modo che il fornitore (in partnership con il blog o sito di coupon) possa avere un controllo esatto del numero di sconti rilasciato e di quanti siano stati effettivamente usati dagli utenti.

Questa tipologia di codici possono essere sia stampabili e quindi da usare in loco nel negozio o agenzia specifica oppure possono essere catalogati come codici sconto online. Nel primo caso non dovete fare altro che stamparlo e riscattarlo appunto al momento del pagamento alla cassa. I coupon online invece possono essere usati solo negli shop e e-commerce.

Qui il procedimento è ancora più veloce perché basta copiare il codice alfanumerico (fate attenzione a copiarlo nel modo corretto con spazi, lettere minuscole, simboli ecc) e copiarlo nel campo specifico durante la procedura di pagamento online.

Newsletter e Applicazioni
È inoltre possibile ottenere nuovi codici direttamente sul proprio cellulare senza dover verificare ogni volta se ci sono nuove offerte.  Iscrivendosi ai nostri portali di fiducia o scaricando le applicazioni riceviamo la notifica in tempo reale di ogni coupon rilasciato o offerta di cui abbiamo chiesto di essere informati.

Risparmia online dalle vacanze ai prodotti di bellezza, dagli occhiali da vista ai libri di scuola

Ci sono buoni sconti per i trattamenti di bellezza, viaggi, ristoranti, negozi di abbigliamento, shopping online, elettronica, libri, giardinaggio. Questo è solo un minimo elenco dei prodotti e servizi su cui si può risparmiare online.